top of page
  • Immagine del redattoreEirka Lipani

Lo Stato Passivo

Per quest'oggi ho deciso di divergere dal solito tono dei post che pubblico.


L'anniversario delle mie dimissioni è prossimo, forse per questo continuano ad affiorare ricordi che rendono il mio umore nostalgico.


La mente lavora in modo strano quando si volta pagina, quel che permane e ritorna con maggior forza sono i ricordi positivi o che danno gratificazione, oscurando in questo modo tutte le brutture.

Questo porta a idealizzare quel che ci si è lasciato alle spalle, pervadendoci di malinconia.


Uno dei ricordi che si ripropone con più frequenza è quello dello Stato Passivo.


Un giorno, poco più che ventenne, proprio agli albori della mia carriera, il mio datore di lavoro mi dice:

  • Erika domai hai voglia di andare a Roma?

Perplessa rispondo Si va bene (mi è sempre piaciuto viaggiare e questo sarebbe stato il primo viaggio lavorativo che mi si chiedeva di svolgere).


Il mio capo prosegue dicendo


  • Ho bisogno dello Stato Passivo di omissis, non so se è possibile averlo, probabilmente dovremo tornare un altra volta e quasi certamente non si potrà portarlo fuori dal Tribunale.


Probabilmente per scherzare o per motivarmi ha proseguito dicendo:


  • Se ci riesci ti do un premio di omissis


Sempre più perplessa, mi domando perché mandarmi fino a Roma, per qualcosa che già in partenza era sicuro che non sarei riuscita a portare a casa, comunque, il giorno dopo alle 4.30 del mattino ero alla Stazione Centrale di Milano in attesa di partire.


Giunta a Roma mi reco presso il Tribunale dove apprendo, ne esiste più d'uno nella stessa Città.

Armata di determinazione e incoscienza, mi rimetto in marcia sino a che finalmente trovo quel che stavo cercando.

Non mi dilungo su quel che è accaduto nei meandri del Tribunale tra Funzionari e Procedure.


Alle 11 della stessa mattina chiamo in ufficio:

  • Buongiorno Dottore, Lei deve farmi una Statua ....ho lo Stato Passivo che voleva


Il mio annuncio è stato accolto con sorpresa, si è messo a ridere incredulo e mi ha chiesto più volte se scherzassi.

Ritengo tuttavia che sia rimasto soddisfatto, visto che ha mantenuto la parola e ho ricevuto il mio premio.

A seguito di quell'avvenimento, i miei viaggi sono aumentati esponenzialmente e lo Stato Passivo ora è una reliquia conservata nel mio vecchio Studio.


Oggi questo è un episodio che ricordo con orgoglio e che mi ricorda che posso riuscire in ciò che mi prefiggo, la malinconia viene scacciata dal pensiero di ciò che sto costruendo e che nonostante le difficoltà promette di valerne la pena.


Nel corso di quest'anno ci sono state promesse disattese e difficoltà.


Ho dovuto prendere decisioni difficili e scendere a compromessi.

Ho perseverato e lottato, oggi ho avviato delle collaborazioni con vecchie e nuove conoscenze che hanno creduto nella mia professionalità e che voglio ringraziare.

La strada ora sarà in discesa?

Non penso ma del resto non lo è mai stata.



Grazie per aver letto quanto ho voluto condividere, i prossimi post saranno incentrati sulla mia professione

Gestione Incasso Cessione crediti Iva

Liquidità per PMI

Amministrazione e Segreteria da remoto.


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page